studio software

   parma

   campogalliano

HOME Studio Software srl è una software house che offre alla propria clientela un servizio a 360° nell'ambito informatico. PROGRAMMAZIONE GESTIONALE VENDITA e ASSISTENZA per SOFTWARE e HARDWARE SICUREZZA INFORMATICA e PRIVACY

Company

Nascita

Territorio

Informazioni

Impegni

 

 

MARKET

Lista prodotti
ad alta rotazione

 

prodotti

erp AssoWeb

Lavorazione Conto/Terzi

e-Commerce B2B

Orafi Gold1

Conferimento prodotti agricoli

Logistica

Officine

Antivirus

Firewall

Vendita hardware

Web sites

ADSL/HDSL

Telefonia VOIP

Videosorveglianza

servizi

Assistenza

Consulenza

Impianto/Cablaggio certificato

Posta elettronica certificata

Formazione

Noleggio operativo

 

PrIVACY

proposta

info_tecniche

Microsoft Windows

Microsoft Office

Posta elettronica certificata

Antivirus

Firewall

 

 

ZIMBRA!

cos'è Zimbra

cloud

appliance

assistenza

 

download

ammyy

  istruzioni uso ammyy

teamviewer

... altro

 

 

CONTATTI

nostre sedi →PR →MO

modulo richiesta

cliccare sul titolo in grassetto per accedere alla sezione principale oppure alla voce del menù per l'accesso diretto all'argomento di interesse.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


contattateci oggi

stesso per una

dimostrazione

gratuita senza

impegno presso

la Vs. Sede.

 

My status

Sergio Cavaciuti

sergio@studiosw.com

ufficio 0521/24.30.36

cell. 348/321.0523

 

skype solo con testo/chat

My status

Roberto Corradini

roberto@studiosw.com

ufficio 059/52.71.72 int.1

cell. 348/321.0521

Logistica

 

 

 

ASSO WEB è un potente sistema client/server sviluppato in modo nativo con tecnologia WEB.

 

Il Programma è stato studiato con il preciso obiettivo di fornire uno strumento completo per il controllo della movimentazione, della lavorazione e dello stoccaggio dei materiali all'interno del magazzino.

 

ASSO WEB controlla l’entrata merce, il versamento in aree e ubicazioni mappate con ottimizzazione degli spazi, i prelievi guidati, le scorte, gli stati di avanzamento della produzione (anche terzisti), il confezionamento e il controllo della qualità e delle spedizioni.

 

Utilizzando terminali fissi e in radiofrequenza permette il monitoraggio dei flussi logistici e la tracciabilità del prodotto in tempo reale, dalla materia prima al prodotto finito.

Attività di Movimentazione in Radio Frequenza

La gestione del magazzino attraverso l’applicazione della radiofrequenza permette una modifica delle attività svolte ad oggi, nel modo che di seguito siamo ad illustrare.

Per maggiore chiarezza si dividono i flussi di gestione in:

· Gestione merce in entrata

· Approntamento ordini

· Gestione merce in uscita

· Gestione vuoti ed imballi

· Gestioni personalizzate

· Inventari

· Gestione merce in entrata

· Scarico e controllo

 

L’ufficio spedizione del cliente consegna fisicamente all’operatore il piano di scarico della merce in arrivo nella giornata. All’arrivo dell’automezzo il conducente consegna all’operatore la bolla di accompagnamento o DDT.

 

L’operatore indica al conducente dove posizionare l’automezzo, gli chiede di aprire le “sponde”. L’operatore, con l’ausilio del carrello elevatore, effettua lo scarico della merce posizionandola nelle immediate vicinanze dell’automezzo a terra.

 

Durante lo scarico l’operatore verifica la corrispondenza di tipologia, quantità e qualità di ogni prodotto con il DDT.

 

In caso di anomalie sia di qualità che di quantità l’operatore contatterà il Responsabile di magazzino del cliente per l’accettazione o no delle stesse.

 

L’operatore firma il DDT e libera l’autista, quindi provvede all’identificazione in entrata del materiale su pallet, con l’ausilio di un rotolo di barcode vergini:

posiziona su ogni pallet un barcode vergine (barcode-bancale);

richiama sul palmare l’ordine al fornitore, attraverso evidenza codice fornitore e numero ordine interno;

scorre le righe relative all’ordine;

conferma la riga con la descrizione del prodotto del pallet etichettato (ok);

digita le quantità sul pallet, la data scadenza, il numero del lotto;

conferma i dati digitati (ok);

spara con il palmare i barcode vergini di tutti bancali con quel prodotto.

 

In particolare, l’operatore dovrà inserire il lotto assegnato dal fornitore, se esistente, oppure se non assegnato il “sistema” provvederà a crearne “automaticamente” uno nuovo.

 

L’operatore svolge queste operazioni il numero di volte necessario a caricare a sistema tutta la merce scaricata (in piking) .

 

Stoccaggio

L’operatore seleziona sul palmare la funzione “spostamento merce” e provvede con l’ausilio del carrello elevatore a stoccare il materiale nell’ubicazione da lui scelta aggregando il barcode-bancale al barcode- ubicazione.

 

Alla termine dello stoccaggio, l’operatore effettuerà una stampa della merce ricevuta e stoccata che allegherà al DDT; quindi, consegnerà il DDT firmato e la stampa della merce ricevuta all’ufficio spedizione del cliente.

 

Questo trasferimento di informazioni dal sistema in radio frequenza “Asso” al sistema Gestionale di magazzino del cliente può avvenire o manualmente o attraverso lo scambio informatizzato (file/interfaccia).


Figura 1 - Visione flusso merce in entrata

 

Approntamento ordini

L’attività di approntamento degli ordini in uscita si differenzia a seconda della tipologia dell’ordine stesso. In linea di massima possiamo raggruppare tre tipologie di ordini, quelli “spezzati”, “interi”, “misti”.

 

Ordine spezzato:
L’operatore seleziona l’applicazione “Approntamento merce” sul palmare e seleziona l’ordine da preparare, visualizza l’elenco del materiale da prelevare già ordinato in base ai barcode- ubicazione presa.

L’operatore, attraverso l’uso del carrello elevatore, esegue le seguenti operazioni:

  - si reca all’ubicazione relativa alla riga visualizzata sul palmare;

  - spara il barcode -bancale del pallet per la conferma del prelievo prodotto;

  - effettua il prelievo;

  - digita “ok” per confermare la quantità dei colli prelevati (controllo quantità) e
  posiziona il numero dei colli richiesti sul bancale per la costruzione dell’ordine.

  I colli devono essere integri in caso di anomalie il materiale viene portato in zona rotture.

  - L’operatore svolge queste operazioni il numero di volte necessario per comporre
  l’intero ordine.

 

La sistemazione del materiale sul pallet viene fatta in modi differenti, personalizzati per prodotto e/o per cliente finale.

 

Al termine della preparazione di ogni pallet fisico l’operatore provvede all’imballaggio con il rotolo del film estensibile per rendere stabili i colli sul pallet ed inserisce il numero di E-PAL di cauzione;

 

Quindi stampa ed applica sul pallet la packing list dove sono evidenziati il nome cliente, quantità e tipologia del prodotto approntato, lotto, data scadenza.

 

Ad ogni pallet completo, l’operatore seleziona sul palmare la funzione “spostamento merce”, provvede con l’ausilio del carrello elevatore, a stoccare il materiale preparato nello scaffale “ordini pronti”, aggregando il barcode-bancale al barcode- ubicazione. (stoccaggio ordini pronti piking)

 

 

Attivita’ ripristino materiale

Ogni qual volta si renda necessario ripristinare un’ubicazione con del prodotto si deve seguire la seguente procedura:

 

- l’operatore imposta la funzione “spostamento merce” dal terminale;
- preleva il materiale, con l’ausilio del carrello elevatore, seguendo l’indicazione del palmare che proporrà l’ubicazione-scorte prodotto con data di scadenza più vicina;
- spara con il palmare il barcode del pallet prelevato e lo aggrega alla nuova ubicazione-presa
 

 


Ordine intero

 

L’ordine intero viene approntato al momento dell’arrivo dell’automezzo.
L’operatore:
seleziona l’opzione “carico merce” sul palmare;
seleziona l’ordine da preparare;
visualizza l’elenco del materiale da prelevare, ordinato per ubicazione di stoccaggio e lotto (data di scadenza);
con l’ausilio del carrello elevatore si reca all’ubicazione/corsia relativa alla richiesta visualizzata sul palmare;
legge il barcode bancale per la conferma prelievo del prodotto (qualità, quantità e lotto);
preleva i quantitativi di pallet richiesti;
digita il numero dei pallet prelevati;
li porta in zona di carico e/o sull’automezzo direttamente.
 

Ordine misto
La preparazione dell’ordine misto prevede una procedura anticipata per le richieste di materiali in colli approntamento ordine spezzato, e una procedura, in tempo reale, per le richieste di pallet interi.
In fase di chiusura carico ordine intero il sistema proporrà anche il carico dei bancali spezzati approntati in precedenza.
Figura 2 Visione flusso ordini ed approntamenti
 

Merce in uscita

Il Responsabile di Magazzino del cliente consegna all’operatore un “piano di carico” dove sono indicati:

  il nome del trasportatore,
  i nominativi dei clienti da caricare
  All’arrivo dell’automezzo, l’operatore in accordo con l’autista decide l’ordine di carico dei
  Clienti, in seguito, attraverso l’uso del carrello elevatore, esegue le seguenti operazioni:

  In caso di ordine spezzato e per la parte “spezzata” dell’ordine misto, l’operatore:

  seleziona l’opzione “Carico merce” sul palmare;

  richiama sul palmare il primo ordine da caricare e ne visualizza l’ubicazione ordini pronti

  lo preleva e lo carica sull’automezzo

  spara la packing list per la conferma del carico

L’operatore svolge queste operazioni il numero di volte necessario per comporre l’intero carico.

In caso di ordine di intero, l’operatore:

lo preleva e lo carica sull’automezzo

In entrambi i casi, a carico completo, l’operatore stampa gli elenchi della merce caricata per ogni ordine/cliente (misto e intero), li allega al “piano di carico” debitamente firmato dall’autista e compilato con il numero bancali caricati per Cliente, ed infine consegna il tutto all’ufficio spedizione cliente per consentire l’elaborazione del DDT.

Figura 3 Visione flusso merce in uscita

Gestione vuoti ed imballi
Scarico vuoti ed imballi

L’operatore riceve dal vettore la bolla di reso dei vuoti e, attraverso l’uso del palmare e del carrello elevatore, esegue le seguenti operazioni:

seleziona l’applicazione “Scarico vuoti”

seleziona il cliente a cui scaricare i vuoti

scarica i vuoti a terra nelle immediate vicinanze dell’automezzo;

conteggia i vuoti per tipologia

spara con il terminale il barcode vuoti assegnato alla tipologia vuoto

digita il numero dei vuoti scaricati e conferma con “ok”

posiziona i vuoti divisi per tipologia e fornitore su un pallet a strati e legati insieme

a completamento pallet posiziona gli stessi in zona “fusti vuoti” sovrapposti uno sull’altro per tipologia e fornitore

l’operatore svolge queste operazioni il numero di volte necessario a completare lo scarico

a stoccaggio ultimato l’operatore effettua una stampa da allegare alla bolla ricevuta dal vettore che verrà consegnata all’ufficio spedizioni.

Alla fine dell’operazione sarà possibile la creazione di un file da consegnare al Responsabile di magazzino per l’aggiornamento automatico dei dati per cliente.

Carico

L’operatore riceve dall’ufficio spedizione del cliente il piano di carico “vuoti”, prepara la quantità e la tipologia dei vuoti da caricare.

Con l’utilizzo del palmare, l’operatore dovrà svolgere le seguenti operazioni:

seleziona il fornitore

spara il barcode sulla legenda vuoti e digita il numero di vuoti da caricare per tipologia

l’operatore ripete la stessa operazione tutte le volte necessarie a completare il carico vuoti.

a carico ultimato l’operatore effettua una stampa in cui sono riportati i vuoti ed imballi caricati, che verrà consegnata all’ufficio spedizioni per emettere la bolla

Alla fine dell’operazione verrà aggiornato lo stato di ogni fornitore, tramite file da spedire al Responsabile di magazzino del cliente.

Gestioni personalizzate
Merce resa

La merce in entrata resa da cliente è sempre preceduta da un documento di autorizzazione.

-merce idonea: l’operatore esegue la procedura della merce in entrata

-merce non vendibile: l’operatore esegue le attività che verranno concordate di volta in volta con il Responsabile del magazzino.
Scarti (rotture) :

L’operatore con l’uso del palmare, con la scelta “spostamento merce”, scarica dalla ubicazione-presa la merce rotta o danneggiata quindi non vendibile e la carica sull’apposita ubicazione predefinita “merce rotta”dove va stoccata.

Quando il cliente deciderà di far uscire definitivamente la merce, il sistema caricherà i dati in “magazzino rotture”.
Consumo interno:

Questa operazione sarà gestita in accordo con il cliente.

Indicativamente potrà essere svolta solo da una singola persona, presumibilmente il Capo Squadra, e prevede lo scarico da magazzino del prodotto consumato internamente dal cliente.
Divisione bancale:

L’operatore in caso di necessità, può scorporare un pallet in due parti utilizzando la funzione predisposta “divisione bancale”.

Inventari

L’inventario è un opzione del sistema informatizzato in radio frequenza che potrà essere gestito in tempo reale con le modalità che il cliente o la stessa preferisce.

In particolare, è possibile disporre delle seguenti scelte:

- “Inventario magazzino parziale”, attraverso la scelta anche sono di una tipologia di prodotto, permette di effettuare dei controlli a campione sulla merce presente a magazzino

- “Inventario magazzino completo” permette di effettuare un inventario generale del magazzino

- “Localizzazione merce” che permette di verificare la posizione e la disponibilità della merce a magazzino.

Alcune screenshot

Elenco ordini clienti da spedire :

Elenco ordini fornitrori da ricevere

Statistiche operatività magazzino mensile

Statistiche approntamenti interni per operatore magazzino

Dettaglio movimentazione singolo bancale

 

 

 

Studio Software srl   p.iva 00802550343   tel Parma 0521/24.30.36   tel Campogalliano 059 52.71.72   info@studiosw.com